OIL PRICES: HOW MUCH CAN WE RELY ON RUSSIA?

It is well known that the Russian economy is heavily dependent on its hydrocarbon industry, as shown from many economic indicators so deeply bonded to oil prices. As a result, the fall in the price of crude since late 2014 had significant consequences on Russia both from an economic and a political perspective. What is interesting to notice is that, despite the two years’ recession caused by the drop in crude prices, the Russian oil industry has been remarkably resilient. Oil production grew by 2,2% in 2016, to levels not seen since the highs reached in the Soviet era in the late 1980s.

a1

The rapid growth in oil production, especially during the second semester of 2016, could be seen as the Russian attempt to maximize output (to levels impossible to maintain during the whole year) before signing a potential agreement with OPEC members, to curb production, rebalancing the market. After the defeat experienced in Doha, when after drafting what appeared to be a final agreement with OPEC members, the Saudis decided to pull out at the very last minute, Russia understood that there was little trust left in OPEC, since its members were not able to overcome their divergent interests.

Since then, significant efforts have been made to restore relationship between Saudi Arabia and Russia. President Putin has been extremely assertive when it came to re-discuss the possibility of an agreement about output stabilisation.

From an economic and political point of view it is clear why Putin was so favourable to the deal: ahead of presidential election year in 2018, with low oil prices, the budget deficit could be as high as 2017 and 2016. Although there are few doubts he will be re-elected in March 2018, he would probably prefer doing it with major consensus and high levels of popularity, rather than a stagnant economy and a struggling federal budget.

a2

If it is true that an oil price above 50$ per barrel could provide a very important help to budget revenues, but Russia’s historical interactions with OPEC do not support the idea of great confidence on the production agreements.

Russia’s relationship with OPEC in the post-soviet era includes a constellation of agreements and promises not or only partially fulfilled. Before 2016, Russia And OPEC tried to finalize production agreements in 1998, 2001 and 2009, all ending up with very little success.
The implementation of production agreement seems extremely difficult to reach, especially if we consider that, in the end, Russia and Saudi Arabia, the de facto leader of OPEC, are fierce competitors, playing to conquer from each other’s hands a huge market: the Asian one.

a3
Energy Information Administration

In December Russia agreed to reduce its output by a maximum of 300,000 b/d from October 2016 levels, but the cut itself will have a very limited impact on 2017 production overall for two main reasons.

Firstly, the cut itself will only be implemented in stages, with the 300,000 barrels cut probably be reached by the end of April 2017. If so, considered that the agreement will expire in June, the full cut will only be in place for 2 months. On the other hand, normally Russian production is stable or declining during the first two quarters of the year, both because of weather conditions and maintenance wor

This is because in January temperatures can be so cold, some of the facilities must be shut down in order to protect the workers. On the other end, the maintenance work has to be carried out before temperatures rise and ice starts to melt otherwise it becomes too difficult to provide services in the tundra.

As a result, the overall impact of the OPEC cut in itself is reduced, considering that part of that same cut would have happened anyway for “technical reasons”.

The more deliberated decline (if any) will then take place during the second quarter of 2017 when Russia will have to catch up with its cuts pledges.

Finally, it is not clear if all Russian oil companies will comply with the cuts until June. The Energy Minister, Alexander Novak, made clear that the cuts will be voluntary and will not be aggressively monitored by the government. Another problem highlighted by the Minister was that Russian oil companies have different growth trajectories and output plans for 2017, so it seems illogical to ask to all companies to cut by the same percentage.

This is one of the main differences between Russia and the OPEC members: in OPEC countries, there’s usually a state firm that obeys government directions on oil production, but in Russia there are different companies listed involving private investors. In conclusion, is there more room to cynicism or optimism about a rigorous compliance to the agreement coming from Russia?

The Russian side is probably hopeful to enjoy an oil price above the 50$ per barrel for at least 2-3 months, without having to engage too strictly in the effort.

It is difficult to believe that Russian oil companies will stop drilling in 2017, especially now that thanks to the rouble devaluation are seeing the cost base of the industry dropping, while a flexible tax regime, that protect them from oil price fall, is allowing them to increase their production, stemming the risk.

a5

OPEC countries and oil markets observer are keeping a close eye on Russia’s crude output and they will keep doing so until the end of semester, as there is no guarantee that they are will move towards the same direction.

Maria Mura | Energy Consultant


 

PREZZI DEL CRUDO: QUANTO POSSIAMO CONTARE SULLA RUSSIA?

É ormai noto quanto l’economia russa sia dipendente dal settore degli idrocarburi, a dimostrarlo vi sono molteplici indicatori economici, così profondamente legati ai prezzi del petrolio. Com’é ovvio, il calo del prezzo del greggio alla fine del 2014 ha avuto conseguenze significative per la Federazione Russa, sia sotto il profilo economico che su quello politico. Ció che é interessante notare é  che, nonostante i due anni di recessione causata dal calo dei prezzi del crudo, l’industria petrolifera russa si sia rivelata notevolmente resistente. La produzione di petrolio è cresciuta del 2,2% nel 2016, a livelli raggiunti in precedenza solo alla fine del 1980, in piena epoca sovietica.

a1

La rapida crescita della produzione di petrolio, soprattutto nel corso del secondo semestre del 2016, si potrebbe interpretare come il tentativo russo di massimizzare la produzione (a ritmi impossibili da mantenere a livello annuale) prima di firmare un potenziale accordo con i membri della OPEC, con l’obiettivo di riequilibrare il mercato. Dopo la debacle di Doha, quando, dopo la stesura di quello che sembrava essere un accordo finale, i sauditi hanno deciso, all’ultimo minuto, di sottrarsi all’accordo, la Russia ha compreso quanta poca fiducia si possa riporre nell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio, considerato che i suoi membri sembrano incapaci di superare i loro interessi divergenti.

Da allora, notevoli sforzi sono stati fatti per ripristinare le relazioni tra Arabia Saudita e Russia. Il Presidente Putin è stato estremamente assertivo riguardo la possibilità di un accordo sulla stabilizzazione dell’offerta.

Sul piano economico e politico è chiaro il motivo per cui Putin si è dimostrato così favorevole all’accordo: a un anno delle elezioni presidenziali del 2018, un prezzo del petrolio basso inciderebbe negativamente sul deficit di bilancio, che potrebbe tornare ai livelli giá visti nel  2017 e nel 2016.  Anche se pochi dubbi aleggiano sulla rielezione di Putin il prossimo marzo 2018, é certo che il presidente russo preferirebbe rinconfermare il suo incarico con alti livelli di consenso e popolarità, piuttosto che un’economia stagnante e un bilancio federale poco roseo.

a2

Se è vero che un prezzo del petrolio superiore ai 50 $ al barile potrebbe fornire un importante aiuto alle entrate di bilancio, le interazioni storiche della Russia con l’OPEC non consentono di riporre grande fiducia sugli accordi di produzione tra le due parti. Le relazioni della Russia con l’OPEC in epoca post-sovietica comprendono una costellazione di accordi e promesse non o solo parzialmente soddisfatte. Prima del 2016, la Russia e l’OPEC cercarono di stipulare accordi di produzione rispettivamente nel 1998 nel 2001 e nel 2009, che si conclusero tutti con scarso successo. Gli accordi di produzione sembrano dunque essere destinati a non rispettarsi: prevedibile se si considera che Russia e Arabia Saudita, sono di fatto feroci concorrenti, che giocano una partita per un mercato enorme: l’asiatico.

a3
Energy Information Administration

Lo scorso dicembre la Federazione Russa ha accettato di ridurre la propria produzione di crudo in 300.000 b / d rispetto ai livelli di ottobre 2016, ma il taglio in sé avrà un impatto molto limitato sulla produzione complessiva 2017 per due principali motivi.

In primo luogo, il taglio verrá effettuato in due fasi, di conseguenza la riduzione di 300.000 barili potrebbe essere raggiunta solo alla fine di aprile 2017. In tal caso, considerato che l’accordo scadrà nel mese di giugno, il taglio completo avrá una durata di 2 mesi.

D’altra parte, la produzione russa è solita essere stabile o in calo nei primi due trimestri dell’anno,  a causa delle condizioni climatiche e dei lavori di manutenzione svolti in questo periodo.

In Gennaio, per le basse temperature, le operazioni di estrazione vengono interrotte per proteggere i lavoratori. l lavori di manutenzione, d’altro canto, deveno essere effettuati prima che le temperature aumentino e che il ghiaccio inizi a sciogliersi, cosa che renderebbe troppo difficile fornire servizi nella tundra.

Come risultato, l’impatto complessivo del taglio della produzione giá di per se si vede è ridotto, se si considera che parte dello stesso taglio sarebbe comunque avvenuto per “motivi tecnici”.

L’autentica riduzione (se presente) avverrá durante il secondo trimestre del 2017, quando la Russia dovrà recuperare il ritardo accumulato.

Ció che resta da chiarire é se tutte le compagnie petrolifere russe rispetterenno i limiti imposti alla produzione fino a giugno. Il ministro dell’Energia, Alexander Novak, ha chiarito che i tagli saranno volontari e non saranno aggressivamente monitorati dal governo. Un altro problema evidenziato dal ministro é il fatto che le compagnie petrolifere russe seguono differenti piani di crescita per il 2017, di consguenza risulta illogico chiedere a tutte le società di tagliare la produzione nella stessa percentuale.

Questa è una delle principali differenze tra la Russia ei membri dell’OPEC: nei paesi dell’Organizzazione di solito esiste un unica società petrolifera statale che obbedisce alle indicazioni del governo, in Russia invece le società petrolifere sono diverse, quotate e finanziate da investitori privati.

In conclusione, c’è più spazio per  cinismo o ottimismo circa il rispetto degli accordi sul taglio della produzione da parte della Russia?

É probabile che la speranza russa attualmente sia quello di godere di un prezzo del petrolio al di sopra dei 50$ al barile per almeno 2-3 mesi, senza la necessità di impegnarsi troppo rigorosamente nel limitare la produzione interna.

É difficile credere che le compagnie petrolifere russe fermeranno la produzione nel 2017, soprattutto ora che, grazie alla svalutazione del rublo vedono i costi della produzione in caduta libera rispetto agli anni passati, e grazie a un regime fiscale flessibile, che le protegge dalla caduta del prezzo del petrolio, sono in grado di aumentare la loro produzione, arginando il rischio.

a5

I paesi OPEC e i market watchers del settore petrolifero stanno monitorando da vicino i livelli dell’offerta di greggio russo, e continueranno a farlo fino alla fine del semestre, considerato che non vi sono garanzie che la produzione russa e quella dell’Organizzazione si muovano nella stessa direzione.

Maria Mura | Energy Consultant

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s