Is Asia becoming the new “El Dorado” of Natural Gas? (EN/ITA)

Four years ago the IEA, introduced the concept of “the golden age of gas”. Nowadays there is no place where this expression seems more relevant and real than Asia, where a bright future seems to await this commodity, and where its demand in 2035 is estimated to equal that of USA.

The LNG industry has looked for a long time to Asian markets such as Japan, South Korea and Taiwan, high-growth markets, eager to sign long-term sourcing contracts.

But regardless of the growing demand, Asian countries seem to be stopping their march toward gas consumption because of the premium price they have to pay.

The reasons behind this price supplement are varied but can be summarized in four main points:

  • The prevalence of long-term gas contracts often indexed to oil prices
  • The difficulties encountered in ensuring the security of supply
  • The low level of flexibility of the demand
  • The absence of adequate spot markets at a regional level, reflecting the Asian balance between supply and demand.

The issue concerning the price of LNG in Asia is now becoming crucial in determining the future development of the global demand and supply logic, and at the same time setting the pace at which the continent’s markets will reach full liquidity and flexibility. To understand the evolution of this market it is necessary to analyze the two sides of the coin: the demand and the supply, where the latter can be divided into domestic production and imports.

asia-and-lng-02

 

Starting from the demand side, we can certainly say that the price is the key factor that can increase the spread of LNG, and currently there are two main issues affecting the diffusion of this commodity, including:

  • The mechanism of oil indexed prices that make gas prices significantly higher than those traded through the hubs.
  • The lack of flexibility in the supply of LNG, which often includes clauses of final destination and take-or-pays.

The indexation to oil, it is often more comfortable for suppliers, given that many of the development costs are related to crude prices. In addition, Asian suppliers see in the gas-regional markets, such as Europe, significant limitations, mainly due to: low levels of liquidity, possible prices manipulation by large market players, and high levels of volatility.

Most likely Asian countries will develop their hubs in the medium- long term. This process is essential to increase the levels of efficiency and transparency of their markets, and significantly reduce the premium price that Asian consumers currently pay for gas. Furthermore, the progressive development of the national gas hub, can substantially strengthen the bargaining power of Asian buyers, providing an additional price signal that could be used during the negotiations of long-term contracts.

On the supply side, the profound imbalance between the prices offered by Asian gas producers and the prices of the US import gas is evident.

asia-and-lng-03

 

The likely scenario for Asia over the next decade is a transition from oil indexed to  HH (Henry Hub) indexed formulas, basically depending on the price of American gas, which is expected to absorb a large portion of Asian demand in the years to come.

But whatever the future holds, the aspirations of American companies, that in the wake of the shale gas success, made great plans for expansion, today come up against a hard reality:

  • The fall of crude prices has dragged down also gas prices, while low coal prices and renewables development are contributing to the slower expansion of LNG
  • The Japanese demand for gas is decreasing, after growing exponentially following the Fukushima disaster in 2011, when the closure of the nuclear reactors imposed a change in the generation mix of the country
  • The entrance on stage of Australian competitors, that, on the heels of the American success, have invested more than 200 billion dollars for the development of major extraction projects.

The result is that the global production of gas has already reached the 250 million tons.

Given the increase in supply and modest expectations of demand growth in the short term, utilities are forced to reduce investment, operating in an opportunistic manner, focusing on the short term and avoiding long-term contracts. In any case, although mature buyers of gas such as Japan, Korea and Taiwan, may see reduced their gas demand, China and Southeast Asia continue their climb, becoming, thanks to the high regional prices, perfect countries for LNG exporters.

The two fundamental questions at the basis of the expansion of the LNG market in Asia are therefore the cost and level of flexibility.

To Entailing significant costs in the coming years will be:

  • The development of new extraction projects, both for domestic production and exports.
  • The cost of liquefaction and transportation of LNG projects
  • The cost of alternative energy sources (such as coal), compared with the cost of gas and the price that end consumers will be willing to pay for both

Regardless of its abundance, gas seems to have been converted into an essential component of the global energy mix, as well as one of the best allies in the fight against global warming, replacing highly polluting fossil such as coal or derivatives of crude.

The growth in energy demand for this commodity implies not only competition from other fuels but also the need of a greater availability. A risky scenario, especially when you consider the low storage capacity of many Asian countries, and even more, looking at the poor capacity of inter-regional exports.

asia-and-lng-04

 

In order to conquer the Asian market, the LNG must therefore lose its status of “premium-fuel”, opting between three possible options:

  • Keeping the oil-indexation, but with price curves characterized by lower slopes
  • Focusing on HH (Henry Hub) indexation for, at least, a part of their contracts
  • Include in the contracts the possibility to use a long-term spot price, once the Asian markets will be fully liberalized and with sufficient levels of liquidity

Asia is entering an era of much more efficient energy markets, with undeniable benefits in terms of security of supply, but there are still warning signs: the high price of liquefied natural gas threaten to curb the demand of those nations that are not able to afford the purchase of expensive gas and inevitably will end up opening the door to coal.

If Asian markets do not manage to increase the level of transparency of prices and will not invest in new production and facilities for the liquefaction of natural gas, the only way to move Asian investments from coal to gas will be a strong commitment to climate policies on low carbon emissions.

 

Author: Maria Mura| Energy Procurement Consultant

 

_________________________________________________________________

[Versione Italiano]

Quattro anni orsono la IEA, introdusse il concetto di “etá dell’oro del gas”. Al giorno d’oggi  non vi é nessun lugo in cui tale espressione sembri piú pertinente e reale che l’Asia, dove un futuro roseo pare attendere questa commodity, la cui domanda nel 2035 si stima possa eguagliare quella statunitense.

Il settore del GNL ha guardato a lungo a mercati asiatici quali Giappone, Corea del Sud e Taiwan: mercati in forte crescita, desiderosi di firmare contratti di approviggionamento a lungo termine.

Ma a prescindere dalla domanda in crescita, i paesi asiatici vedono frenata la loro corsa al gas a causa del premium price che si vedono costretti a pagare rispetto ai loro colleghi americani e europei. Le ragioni dietro questa supplemento di prezzo sono molteplici ma riassumibili in 4 punti principali:

  • La prevalenza di contratti di gas a lungo termine spesso indicizzati al prezzo del crudo
  • Le difficoltá riscontrate nel garantire la sicurezza dell’approvvigionamento
  • Il basso livello di flessibilitá nella domanda
  • L’assenza di adeguati mercati spot a livello regionale, che riflettano il bilancio asiatico di offerta e domanda.

La tematica inerente al prezzo e all’approvvigionamento di GNL in Asia sta ormai diventando cruciale per determinare i futuri sviluppi delle logiche di domanda e offerta globali, e allo stesso tempo definire il ritmo a cui i mercati del continente raggiungeranno la piena liquiditá e flessibilitá.

Per comprendere l’evoluzione di questo mercato é necessario analizzare i due lati della medaglia: la domanda e l’offerta, questa a sua volta divisibile in produzione interna e importazioni.

asia-and-lng-02

Partendo dal lato della domanda, possiamo senz’altro affermare che il prezzo rappresenta il fattore chiave in grado di incrementare la diffusione del GNL, e al momento vi sono due principali questioni che ne influenzano il livello tra cui:

  • Il meccanismo di prezzi indicizzati al petrolio che rendono i prezzi del gas nettamente piú elevati di quelli negoziati attraverso gli hub.
  • La scarsa flessibilitá dell’offerta di GNL, che spesso prevede clausule di destinazione finale e penalizzazione sul consumo di tipo take-or-pay.

L’indicizzazione al petrolio, risulta piú comoda per molti fornitori, considerato che gran parte dei costi di sviluppo sono legati ai prezzi del crudo. In aggiunta, i fornitori asiatici vedono nei  mercati interregionali del gas, come quello europeo, notevoli limiti, principalmente riconducibili a scarsi livelli di liquiditá, alla possibile manipolazione dei prezzi da parte di grandi player di mercato, e agli alti livelli di volatilitá.

É ragionevole pensare che i paesi asiatici svilupperanno i propri hubs nel medio-lungo periodo. Questo processo risulta fondamentale per incrementare i livelli di efficienza e trasparenza degli stessi, e ridurre significativamente il premium price che i consumatori asiatici attualmente pagano per il gas acquistato.

Non solo, il progressivo sviluppo di hub di gas a livello nazionale, rafforzerebbe sostanzialmente il potere contrattuale dei compratori asiatici, fornendo un ulteriore segnale di prezzo che potrebbe essere impiegato durante le negoziazioni di contratti a lungo termine.

Dal lato dell’offerta, ad oggi ció che salta subito all’occhio é il profondo squilibrio esistente tra i prezzi offerti dai produttori asiatici di gas e i prezzi del gas d’importazione statunitense. Durante la prossima decade il probabile scenario per l’Asia é quello di una transizione dall’indicizzazione al petrolio all’indicizzazione HH (Henry Hub), ovvero dipendente dal prezzo del gas staunitense, che si prevede assorbirá una grossa parte della domanda asiatica negli anni a venire.

asia-and-lng-03

Ma a prescindere dagli sviluppi futuri, le aspirazioni delle compagnie americane , che sull’onda del successo dello shale gas avevano fatto grandi progetti di espansione, ad oggi si scontrano con una realtá difficile:

  • La caduta del prezzo del crudo ha trascinato con se anche i prezzi del gas, mentre i bassi prezzi del carbone e lo sviluppo delle rinnovabili stanno contribuendo al rallentamento dell’espansione del GNL
  • La domanda giapponese di gas si sta ridimensionando, dopo essere cresciuta esponenzialmente in seguito  al disastro di Fukushima  nel 2011, quando la chiusura dei reattori nucleari del paese aveve imposto un cambio nel mix di generazione
  • L’entrata in scena dei competitor australiani, che sulla scia del successo americano hanno investito oltre 200 miliardi di dollari per lo sviluppo di importanti progetti di estrazione.

Il risultato é che a livello globale la produzione del combustibile ha giá raggiunto i 250 milioni di tonnellate. A fronte dell’aumento dell’offerta e di aspettative modeste di crescita della domanda nel breve periodo, le utilities si vedono costrette a ridurre gli investimenti, operando in modo opportunistico, focalizzandosi sul breve termine ed evitando i contratti a lungo termine.

In ogni caso, sebbene acquirenti di gas di lunga data come Giappone, Korea e Taiwan, vedano ridursi la propria domanda di gas, Cina e Sud-Est Asiatico continuano la propria scalata, diventando, anche grazie agli alti prezzi regionali,  i paesi preferiti dagli esportatori di GNL.

Le due questioni fondamentali alla base dell’espansione del mercato del GNL in Asia restano dunque il costo e il livello di flessibilitá.

Ad incidere sui costi, nei prossimi anni saranno:

  • Lo sviluppo di nuovi progetti d’estrazione, sia per produzione interna che per esportazione.
  • Il costo dei progetti di liquefazione e trasporto del GNL.
  • Il costo di energie alternative (come il carbone), comparato con il costo del gas e il prezzo che i consumatori finali saranno disposti a pagare per entrambi.

A prescindere dalla sua abbondanza, il gas sembra ormai essersi convertito in una componente essenziale del  mix energetico globale, oltreché uno dei migliori alleati nella lotta contro il riscaldamento globale, prendendo il posto di fossili altamente inquinanti come il carbone o i derivati del crudo.

La crescita della domanda energetica implica per questa commodity non solo la concorrenza di altri combustibili ma anche la necessitá di una disponibilitá sempre maggiore. Uno scenario rischioso soprattutto se si pensa alla bassa capacitá di stoccaggio di molti paesi asiatici e ancor piú alla scarsa capacitá di esportazione interregionale.

asia-and-lng-04

Per poter conquistare il mercato asiatico, il GNL dovrá dunque perdere il suo status di “premium-fuel”, optando fra tre possibili opzioni:

  • Continuare con un’indicizzazione a petrolio, ma con curve di prezzo caratterizzate da una minore pendenza
  • Puntare sull’indicizzazione di parte dei propri contratti all’HH (Henry Hub)
  • Includere nei contratti a lungo termine la possibilitá di utilizzare un prezzo spot asiatico una volta che i mercati del continente siano stati pienamente liberalizzati e abbiano raggiunto un livello di liquiditá sufficiente

L’Asia sta entrando in un’era di mercati energetici molto più efficienti, con grande beneficio della sicurezza degli approvvigionamenti. Non mancano comunque dei segnali di pericolo: gli elevati prezzi del gas naturale liquefatto minacciano di bloccare la domanda in nazioni che non sono in grado di permettersi l’acquisto di gas e finiranno inevitabilmente per aprire la porta all’uso del carbone.

Se non si riuscirá a incrementare il livello di trasparenza dei prezzi e non si investirà in nuova produzione e nuovi impianti per la liquefazione del gas naturale, l’unico modo per spostare gli investimenti asiatici dal carbone al gas sarà un forte impegno nelle politiche climatiche per il contenimento delle emissioni.

Author: Maria Mura | Energy Procurement Consultant.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s