The Saudi transition to the Post-Oil era: Saudi Vision 2030

The Saudi transition to the Post-Oil era: Saudi Vision 2030

If the breakaway from oil is really started, as many have being predicting for years, it seems Saudi Arabia, does not want to be caught unprepared. The Saudi kingdom, always labeled as a country with an oil mono culture, enters the game by launching a package of reforms for the next 14 years. It is called Saudi Vision 2030, the plan that should aim at economic diversification so as to minimize the country’s dependence on oil. Details were presented last Monday by Crown Prince Mohammed bin Salman, during an appointment eagerly awaited by the international community.

The plan sets precise objectives for the next three decades. The economy of the Saudi kingdom which now depends for 80% on oil exports has been put to the test by the global crisis in crude prices, which caused a budget deficit of one hundred billion dollars in 2015 for the country, highlighting the urgent need for a change both at an economic and a social level. Although estimates speak of oil reserves for 270 billion barrels, the oil crisis has forced the government of the kingdom to cut subsidies and to stop many development projects, reducing its international standing and its ability to influence other Arab states.

(Click here to read the Italian Version of this article).

grafico17

Although the independence from black gold appears to be extremely complex and difficult to pursue, the young Saudi Prince, during the presentation speech of the Saudi Vision 2030, stressed its importance and feasibility which should already be achieved by 2020. According to him, this target could only be possible starting to invest immediately in alternative sectors that are expected to generate revenues of 100 billion dollars a year.

The presentation of Saudi Vision 2030, addressed four salient points, which are supposed to be converted into development projects in the coming years:

SAUDI ARAMCO

Determined that the value of Saudi Aramco is over $ 2 trillion, (unknown until now since it was a state secret), the giant oil company will be converted into a holding company and 5% will be put on the market, which it would turn to be the world’s greatest Initial Public Offering (see “Saudi Aramco: sleeping giant awakes“).

PUBLIC INVESTMENT FUND

The Public Investment Fund will undergo a restructuring and converted into a $ 2 trillion sovereign fund. The same Aramco will be one of the fund’s assets. Prince said the PIF in 2015 generated returns of 30 billion riyals ($ 8 billion) and that the aim would be to increase its equity to 7 thousand billion riyals from today’s 600 billion.

RENEWABLES AND MINING SECTOR

Saudi Arabia has decided to allocate along with other countries of the Persian Gulf investments to 116 billion dollars in renewable energies. Riad aims to double its renewable capacity by 2032, reaching 54 GWh, 41 of which coming from solar energy. An ambitious project that will let the Saudi monarchy aims to gain a dominant position in the green economy. Yet Riad was considered one of the actors defeated at the climate conference, Cop 21, held in Paris last December and concluded with a commitment to maintain the global temperature rise to below 2 degrees Celsius, and to make efforts to keep it within 1.5 degrees.

The fear of diplomatic isolation has prompted the Saudi government to announce a cut of 130 million tons of CO2 by 2030. An ambitious project, though still opaque in detail, but based on the conditional of maintaining “an economy that continues to diversify and grow”.

The plan also pursues the aim of increasing the contribution of the mining sector to the gross domestic product of 97 billion riyals ($ 25.9 billion) and raises the number of jobs in the sector to 90,000 in 2020. Saudi Arabia counts with mineral reserves that have nothing to envy to crude’s: gold, zinc, phosphate and 6% of the world’s uranium reserves, defined as “the new oil”.

grafico29

SPENDING CUTS AND REFORMS FOR THE LABOUR MARKET

The Saudi government has also announced a series of spending cuts, as well as reforms aimed to reducing the budget deficit to about $ 87 billion by the end of this year, after the International Monetary Fund (IMF) has warned that the country could run out of cash in less than five years. At the moment 10% of the Saudi state budget, is used to cover subsidies and incentives for the Saudi citizens, a level of expenses which is no longer sustainable. According to Riad, cutting subsidies and public waste would allow savings of 30 billion dollars a year, while the introduction of VAT would ensure other 10. It is also being discussed the introduction of a tax on luxury goods and the removal of subsidies on petrol and light bills.

The decline in the Saudi unemployment rate from 11.7% currently to 7% is another of the goals of the reform plan. No doubt, it is a socio-political revolution in a country where two-thirds of the employed work for the state, 11.7% of the workforce is unemployed; millions of Saudis are under-employed (paid for doing nothing), and half the population – women – does not produce wealth. Although the news has been well received by the younger sections of the population, eager for a new era of social reforms that would lead to the re-conquest of civil rights, it seems not to be welcome by the powerful whabita clergy.

Too ambitious goals? Maybe… but if the largest oil producer in the world is evaluating a change of direction regarding its economy, perhaps the predictions of the modern Cassandras concerning the end of the oil era are not that wrong.

Maria Mura | Energy Procurement Consultant



[Versione Italiana]

Se la fuga dal petrolio é veramente iniziata, come molti predicono da anni, l’Arabia Saudita, sembra non volersi far trovare impreparata. Il Regno Saudita, sinora sempre etichettato come un paese a mono cultura petrolifera, si mette in gioco lanciando un pacchetto di riforme per i prossimi 14 anni.

Si tratta di Saudi 2030 Vision, il piano che dovrebbe puntare alla diversificazione  economica cosí da ridurre al minimo la dipendenza del paese dal petrolio. I dettagli sono stati presentati lunedí scorso dal principe ereditario Mohammed bin Salman, durante un appuntamento attesissimo dalla comunitá internazionale.

grafico17

Il piano fissa dei precisi obiettivi per i prossimi tre lustri. L’economia del regno saudita che ad oggi dipende per un 80% dalle esportazioni di petrolio é stata messa a dura prova dall’abbassamento globale dei prezzi del greggio, che l’hanno fatta incorrere in un deficit di bilancio di cento miliardi di dollari nel 2015,  evidenziando l’urgenza di un cambiamento a livello economico e sociale.

Sebbene le  stime parlino di riserve di petrolio saudita pari a 270 miliardi di barili, la crisi petrolifera ha costretto il governo del regno a tagliare i sussidi e a interrompere molti progetti di sviluppo, riducendo la sua levatura internazionale e la sua capacitá di influenzare gli altri stati arabi.

Nonostante l’indipendenza dall’oro nero sembri essere un obiettivo complesso e difficilmente perseguibile, il giovane pricipe saudita, durante il discorso di presentazione delle Saudi 2030 Vision, ne ha rimarcato importanza e fattibilitá, che dovrebbe essere raggiunta giá entro il 2020. Un traguardo possibile solo iniziando a investire da subito in settori alternativi al petrolio, e che si aspetta possano generare introiti da 100 miliardi di dollari l’anno.

Nei documenti presentati, quattro sono stati i punti salienti affrontati,  che si convertiranno in progetti di sviluppo dei prossimi anni:

SAUDI ARAMCO

Stabilito che il valore di Saudi Aramco é di oltre 2mila miliardi di dollari, importo finora sconosciuto poiché segreto di Stato, la gigantesca compagnia petrolifera sará convertita in una holding e il 5% sará messo sul mercato, quotazione che potrebbe convertirsi nella piú grande iniziale offerta pubblica d’acquisto del mondo.

PUBLIC INVESTMENT FUND

Il PIF, Public Investment Fund sará oggetto di una ristrutturazione che lo convertirá in un fondo sovrano da 2mila miliardi di dollari. La stessa Aramco sará uno degli asset del fondo. Il principe ha detto che il PIF nel 2015 avrebbe registrato rendimenti pari a 30 miliardi di riyal (8 miliardi di dollari) e che lo scopo  sarebbe quello di aumentarne il patrimonio a 7mila miliardi di riyal dai 600 miliardi attuali.

Le istituzioni finanziare saranno incoraggiate a allocare il 20% dei loro fondi, in investimenti a piccole  e medie imprese, mentre gli investimenti stranieri diretti dovranno essere incrementati dal 3,8% attuale a un 5,7%.

RINNOVABILI E SETTORE MINERARIO

L’arabia Saudita é decisa a stanziare insieme agli altri paesi del Golfo Persico investimenti per 116 miliardi di dollari in energie rinnovabili. Riad punta a raddoppiare la sua capacitá rinnovabile entro il 2032, raggiungendo quota 54 GW, 41 dei quali a energia solare. Un progetto ambizioso con cui la monarchia saudita mira a conquistare una posizione dominante nel settore della green economy. Eppure Riad è stata considerata uno degli attori sconfitti alla conferenza sul clima, Cop 21, tenutasi a Parigi lo scorso dicembre e conclusasi con un impegno a mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto dei 2 gradi centigradi, e a compiere sforzi per mantenerlo entro 1,5 gradi.

Il temuto isolamento diplomatico in materia ambientale ha spinto il governo saudita ad annunciare un taglio di 130 milioni di tonnellate di Co2 entro il 2030. Un progetto ambizioso sebbene ancora opaco nei dettagli, considerato che è condizionato al mantenimento di “un’economia che continui a diversificarsi e a crescere”.

Il piano persegue anche lo scopo di aumentare il contributo del settore minerario al prodotto interno lordo di 97 miliardi di riyal ($ 25,9 miliardi) e  aumentare il numero di posti di lavoro nel settore a 90.000 nel 2020.

L’Arabia saudita conta con riserve minerarie che nulla hanno da invidiare a quelle petrolifere: oro, zinco, fosfati e il 6% delle riserve mondiali di uranio, definito “un altro petrolio, non ancora sfruttato”.

grafico29

TAGLI ALLA SPESA E RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

Il governo saudita ha annunciato anche una serie di tagli alla spesa,  oltre che delle riforme finalizzate a ridurre il deficit di bilancio a circa 87 miliardi di dollari entro la fine di quest’anno, dopo che il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha avvertito che il paese può rischiare di rimanere a corto di denaro contante in meno di cinque anni.  Al momento il 10% del budget statale saudita, viene bruciato in sussidi e agevolazioni per i cittadini, un livello di spesa ormai non piú sostenibile.

Secondo Riad, il taglio dei sussidi e degli ingenti sprechi pubblici permetterebbe il risparmio di 30 miliardi di dollari all’anno mentre l’introduzione dell’IVA ne garantirebbe altri 10. Si prevede inoltre l’introduzione di una  tassa sui beni di lusso e il taglio dei sussidi sulla benzina e sulle bollette delle luce.

Fra gli obiettivi del piano di riforme figura il calo del tasso di disoccupazione saudita dall’11,7% attuale al 7%. Senza dubbio, si tratta di una rivoluzione socio-politica in un Paese dove due terzi degli occupati lavorano per lo stato, l’11,7% della manodopera è disoccupata, milioni di sauditi sono sotto-occupati (pagati per non fare nulla). E dove la maggioranza della metà della popolazione – le donne – non produce ricchezza.

Sebbene le novitá siano state ben accolte dalle fasce piú giovani della popolazione, desiderosa di una nuova era di riforme a livello sociale che possa sfociare nella riconquista dei diritti civili, sembra non essere ben vista dal potente clero whabita.

Obiettivi troppo ambiziosi? Forse..Ma se il piú grande produttore di petrolio al mondo, valuta un cambio di rotta riguardo la propria economia, forse le predizioni delle Cassandre moderne inerenti la fine dell’era del crudo non sono poi cosí errate.

 Maria Mura | Energy Procurement Consultant

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s