The American breakthrough in the fight against climate change (EN/IT)

The efforts carried out to dethrone King Coal from its role of primary source in the production of electricity seem endless at every latitude.

The determination shown by countries around the world in fighting climate change bodes well.

Only last May, Norway announced its sovereign wealth fund, was about to accelerate the end of coal by imposing from the 1st of January 2016  the exit from every company getting 30% of its turnover or energy  from  coal.

Almost simultaneously, at the meeting of the Oil and Gas Climate Initiative, some of the largest oil companies in the world, including Eni, Shell, BP, Total, Saudi Aramco, Pemex and Sinopec, responsible for one-sixth of the world’s oil and gas production, published a report listing all the possible strategies to be implemented in order to improve the management of carbon emissions.

It finally seems to be also the turn of the United States, always standing at the very last row in the fight against climate change, now the country seems to take the field with a new plan to protect the environment.

President Obama has finally lifted the curtain on the final version of its Clean Power Plan, describing in detail, measures and developments.

The Obama administration, at the beginning of its mandate, promised a reduction of 26-28% in the emission of greenhouse gases by 2025 compared to 2005’s.

grafico-post-8

Until 2013 these emissions fell by only 8.5% compared to 2005, and much of this fall was due to external factors such as:

  • 2008 massive economic recession, which meant less economic activity and less energy demand.
  • The rise of natural gas that has “marginalized” coal in electricity production. The boom of shale gas extraction in the United States made the prices of this commodity fall, prompting the use of gas in electricity production. The advantage of this, from an environmental point of view, is the lower level of emissions resulting from the combustion of gas, about half, than those produced by the combustion of coal.
  • The growth in the sales of more energy-efficient vehicles, mainly due to compliance with the legislation issued by the Obama administration, relating to energy-saving cars and vehicles, which will allow a reduction in fuel consumption of 2.2 million barrels per day.

Nonetheless, emissions have recently begun creeping upward again. The Obama administration has proposed through the EPA (Environmental Protection Agency) a new set of rules, ranging from fuel economy-standards for cars and trucks, to strict carbon dioxide limits for anyone who wants to implement new power plants.

Under the Clean Power Plan, every US state will get a specific goal for reducing carbon dioxide emissions, while state policymakers can draft their own plans for how to get there, choosing according to their energy profile, among the closure of coal power stations in favor of gas power stations, through the promotion and development of power generation from renewable and nuclear sources, substantial improvements in energy efficiency or by pricing carbon using the cap-and-trade system. The final regulation will take effect in August 2015, and states have until June 2016 to draw up their plans for reducing emissions.

imagen-2-post-8

About the limits proposed by EPA on carbon dioxide emissions coming from coal and natural gas power plants, the first major step dates back to 2013, when the EPA fixed the emission cap at about 1100 pounds (about 500 kg) per MW/h. Considering that the average coal plant in the USA currently produces about 1768 pounds of carbon dioxide per MW/h, it is easy to understand the entity of the deal. To summarize it would be possible for utilities to build new thermal power plants only if they were able to catch 20 to 40 % of the carbon produced and store it underground.

The legislation itself, does not suppose a great change in the status quo. This is because utilities have stopped building coal plants a long time ago, since natural gas is currently a more efficient solution. In fact coal prices, already experiencing a collapse, were not affected by any major change after the adoption of this normative, which does nothing but consolidate the current situation. But it is not to forget its “preventive function”: in fact if gas would become unexpectedly expensive, this rule would make quite complex for utilities to turn to coal for energy supply.

In support of the Clean Power Plan, the White House has provided also a range of complementary policies. The USA agreed to work with the Chinese government and other countries to phase out hydrofluorocarbons, another set of greenhouse gases used basically everywhere, from soda machines to car air conditioners. The Interior Department is trying to accelerate the development of wind and photovoltaic power plants on publicly owned land. In addition foreign-aid agencies have stopped financing coal plants overseas.

But are we sure that the new US strategy to fight against climate change will be enough to stop the spread of coal in the world? The tangible risk is that the collapse of coal prices, (that have long poured in dramatic conditions because of the heavy competition from natural gas, and the slowdown of China’s economy, the first consumer of this commodity) will induce developing countries to increase its purchase and use.

Thermal coal has been traded to its lowest for the past 10 years in Europe, at just over € 55 per ton, while in 2008 the price was around € 200 per ton. Coal mines often fail to cover costs. In the US in the past three years approximately 30 companies operating in the coal sector went into receivership. Even developing countries seem unable to elude this trend. Indonesia, the world’s leading exporter of thermal coal, had to reduce production because of low prices, while in China, imports and domestic production fell drastically last year, after the Chinese Government started its war against pollution.

In the best scenario developing countries, will learn from the mistakes of its predecessors (see China) and will join the fight against global warming. The first stop will be held in Paris next December, where members of the United Nations will meet to discuss a global climate agreement on curbing emissions and avoiding 2°C of global warming.

Author: Maria Mura | Energy Procurement Consultant.

_________________________________________________________________

[Italian Version]

Sembrano interminabili gli sforzi portati avanti ad ogni latitudine per detronizzare King Coal dal suo ruolo di fonte primaria nella produzione di energia elettrica.

La determinazione mostrata da Paesi di tutto il mondo nella lotta al cambiamento climatico lascia ben sperare.

Solo il maggio scorso la Norvegia, annunciava che il proprio fondo sovrano, accelerava l’addio al carbone  imponendo dal 1 gennaio 2016 l’uscita da tutte le società che da questo combustibile ricavavano il 30% del fatturato o il 30% dell’energia prodotta.

Quasi contemporaneamente, in occasione della riunione della Oil and Gas Climate Iniative, alcuni fra i più grandi gruppi petroliferi al mondo, tra cui Eni, Shell, Bp, Total, Saudi Aramco, Pemex e Sinopec, responsabili di un sesto della produzione mondiale di petrolio e gas, pubblicavano un report elecando le possibili strategie attuabili per migliorare la gestione delle emissioni di carbonio.

Infine é giunto il turno degli Stati Uniti, da sempre in ultima fila nella lotta al cambiamento climatico, ora sembrano scendere in campo con un nuovo piano per la protezione dell’ambiente.

Il Presidente Obama ha finalmente sollevato il sipario sulla versione finale del suo Clean Power Plan,descrivendone dettagliamente, misure e sviluppi.

L’amministrazione Obama, all’inizio del proprio mandato, aveva  promesso una riduzione del 26-28%nell’emissione di gas serra entro il 2025 rispetto ai valori del 2005.

grafico-post-8

Sino al 2013 le suddette emissioni si sono ridotte solo dell’8,5% rispetto ai valori del 2005, e gran parte di questa caduta é dovuta a fattori esterni quali:

  • la recessione economica del 2008, che ha ridotto l’attivitá economica, e conseguentemente anche la domanda di energia.
  •  L’ascesa del gas naturale che ha “marginalizzato” il carbone nella produzione di energia elettrica. Il boom di estrazione di shale gas negli Stati Uniti ha fatto sí che i prezzi di questa materia prima cadessero, inducendo l’uso del gas nella produzione di energia elettrica. Il vantaggio di ció da un punto di vista ambientale risulta nel minore livello di emissioni derivanti dalla combustione del gas (circa la metá) rispetto a quelle prodotte dalla combustione del carbone.
  • la crescita delle vendita di veicoli energeticamente piú efficienti, principalmente dovuta all’ottemperanza della normativa, sempre emessa dal governo Obama, inerente al risparmio energetico per autoveicoli e automezzi che dovrebbe consentire una riduzione del consumo di carburante pari a 2,2 milioni di barili al giorno.

Nonostante ció, le emissioni hanno di recente ripreso a crescere. L’amministrazione Obama ha dunque deciso di correre ai ripari, e attraverso la EPA (Environmental Protection Agency)  ha proposto una nuova serie di norme, che spaziano dagli standard per il risparmio di carburante consumato da auto e camion, ai limiti di emissioni di anidride carbonica per coloro che vogliono implementare nuove centrali elettriche.

In base al Clean Power Plan, ad ogni stato americano sará assegnato  uno specifico obiettivo di riduzione delle emissioni di anidride carbonica, mentre le metodologie per raggiungerlo saranno a discrezione dello stato stesso, scegliendo in base al proprio profilo energetico,  tra la chiusura delle centrali elettriche a carbone a favore di quelle a gas, attraverso l’incentivazione  e lo sviluppo della produzione elettrica da fonti rinnovabili e nucleari, sostanziali miglioramenti in tema di efficienza energetica o attraverso la tassazione delle emissioni di anidride carbonica mediante il sistema cap-and-trade.  La normativa verrá applicata a partire da Agosto 2015, e gli stati avranno tempo sino a Giugno 2016 per implementare i propri piani di riduzione delle emissioni.

imagen-2-post-8

Riguardo la normativa EPA sulle emissioni di anidride carbonica da parte delle centrali elettriche facenti uso di combustibili fossili, il primo grande passo risale al 2013, quando si fissó il tetto di emissioni a circa 1100 pounds (circa 500kg) per MW/h. Considerato che una centrale elettrica americana emette in media 1768 pounds per MW/h, é facile comprendere l’entitá di tale restrizione. In sintesi sarebbe possibile per gli attuali produttori, costruire nuove centrali termoelettriche solo se fossero in grado di catturare dal 20 al 40% del carbonio prodotto e “immagazzinarlo” sotterrandolo.

La normativa in se, non suppone un grande cambiamento dello status quo. Questo perché le compagnie elettriche hanno da tempo smesso di costruire centrali a carbone, poiché il gas rappresenta al momento una soluzione piú economica. Di fatto i prezzi del carbone (per altro giá in crollo) non hanno subito grandi variazioni a seguito dell’approvazione della suddetta norma, che non fa altro che consolidare la situazione attuale. Ma non é da tralasciare la sua “funzione preventiva”: infatti qualora i prezzi del gas dovessero subire variazioni al rialzo, tale norma renderebbe piuttosto complesso per le compagnie elettriche ricorrere al carbone per la produzione di energia.

A supporto del Clean Power Plan, sono poi state previste una serie di policy complementarie tra cui spicca un accordo con il governo cinese e altri paesi per l’eliminazione degli idrofluorocarburi, un’altra tipologia di gas serra utilizzati praticamente ovunque, dai distributori di bevande sino ai sistemi di aria condizionata delle auto. Il Ministero degli Interni sta cercando di accelerare lo sviluppo di impianti elettrici eolici e fotovoltaici su suolo pubblico, e contemporaneamente si stanno tagliando i finanziamenti alle centrali elettriche a carbone situate all’estero.

Ma siamo certi che la nuova strategia USA per combattere il cambiamento climatico basterá a fermare la diffusione del carbone nel mondo?

Il rischio tangibile é che il crollo del prezzo del carbone, (che da tempo versa in condizioni drammatiche a causa della pesante concorrenza del gas naturale, e il rallentamento della Cina, prima consumatrice di questa materia prima) induca i paesi più poveri ad aumentarne l’acquisto e l’uso.

Il carbone termico si scambia ai minimi da 10 anni in Europa, poco sopra i 55 € per tonnellata, mentre nel 2008 il prezzo toccava i 200 € per tonnellata. Le carbonifere spesso non riescono a coprire i costi. Solo negli USA negli ultimi 3 anni sono finite in amministrazione controllata all’incirca 30 società del settore. Neppure i paesi in via di sviluppo sembrano eludere questa tendenza. L’Indonesia , primo esportatore al mondo di carbone termico, ha dovuto ridurre la produzione a causa dei prezzi troppo bassi, mentre in Cina, importazioni e produzione interna sono diminuite drasticamente, complice anche la lotta all’inquinamento del governo cinese.

Nella migliore delle opzioni i paesi in via di sviluppo, impareranno dagli errori dei propri predecessori (vedi Cina) e si uniranno alla lotta contro il surriscaldamento globale. Il primo pit stop si terrá a Parigi il prossimo Dicembre, dove i membri delle Nazioni Unite si riuniranno per discutere su un accordo globale in tema di riduzione delle emissioni e prevenzione dell’aumento di 2ºC del riscaldamento globale.

Author: Maria Mura | Energy Procurement Consultant.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s