EU Directive On Energy Efficiency (EN/ITA)

European Parliament and Council on energy efficiency Directive 2012/27 / EU establishes a common framework of measures for the promotion of energy efficiency in the European Union, in order to achieve the objectives of 20% reduction of CO2 emissions 2020.

The aim of the Directive is the creation of standards to remove barriers in the energy market and overcome the deficiencies that hamper efficiency in the supply and use of energy. The new legislation requires states to set national indicative targets for 2020 and introduces legally binding measures to promote a more efficient use of energy in all stages of the energy chain, from processing to distribution until final consumption.foto1

Since June 2014, EU Member States have embarked on a path of implementation of the measures envisaged by the Directive by developing long-term strategies to support restructuring of the residential and commercial buildings, both public and private.

In Italy, as of July 19, 2014, date of publication of Legislative Decree 102/2014, the legislative landscape of corporate compliance enhanced with a new standard with specific obligations in the field of energy efficiency. Large companies will have to adopt, by December 5, 2015, energy audits for production sites located throughout the country, or of certified management systems, including elements of systematic energy audit.

Compliance will be requested every four years, penalty fines for missed diagnosis or diagnosis does not comply will be applied.

Undertakings companies required for energy audits are defined as companies that:

  • employ more than 250 people
  • whose annual turnover exceeds 50 million EUR or whose annual balance sheet total exceeding 43 million euro
  • They are also obliged the companies classified as energy intensivefrom the same decree (Article 39, paragraph 1 or paragraph, of Legislative Decree 22 June 2012, nº 83), which have a power consumption of at least 2.4 GWh or an annual energy costs  greater than or equal to 3% of turnoverfoto2

They are exempted those companies with management systems comply with EMAS, ISO 50001, EN ISO 14001 and the micro, small and medium enterprises (SMEs) that do not exceed these limits of employees or turnover.

The decree introduces However, for SMEs, the incentive systems implementing technical measures to save energy and the adoption of management systems for energy certified according to ISO 50001.

In addition to the four-year energy audits, companies in energy-intensive are forced to give the progressive implementation, within a reasonable time, the efficiency measures identified by the same diagnosis or, alternatively, to adopt energy management systems certified according to ISO 50001.

The results of the diagnosis should be communicated to ENEA and ISPRA who look after the preservation. In particular, ENEA are delegated controls that will ensure, through inspections in situ, compliance with the requirements of the decree of the diagnosis. They are also made of spot checks by the annual selection of a statistically significant proportion of the population of companies subject to at least 3%, for the diagnosis carried out by external auditors to the companies, and 100% for the diagnosis carried out by internal auditors.

In case of irregularities, they may be imposed administrative fines from 4 to 40 thousand euro for failure to diagnose and 2 to 20,000 euro for diagnosis do not comply. ENEA will establish and manage a database of businesses subject to energy audits, which will be reporting the date of execution of the diagnosis, the diagnosis report.

In Spain, the Directive has not been yet fully transposed. The drafting of the Royal Decree, which should enable it, is still in the planning stage. So far, the documents actually transposed are the following:

  • Articles 69 and 85 of the Royal Decree – Law 8/2014, of July 4, focusing on the adoption of urgent measures for growth, competitiveness, and efficiency. The issues tackled embrace topics such as: the infringements in energy efficiency, recognition of service providers and auditing energy, promoting energy in the energy supply and the accounting of energy consumption.
  • The court decision of 8 September 2014, the Directorate General of Energy Policy and Mining, which triggers the delivery of information prospectuses to stakeholders in the sale of energy, in accordance with the provisions of Royal Decree 8/2014. The measure also indicates the deadlines to be met by those called upon to fulfill the requirements of energy efficiency, and provides the data to energy sales to final customers nationwide.
  • The thirteenth disposition of Law 15/2014 of 16 September, regarding the rationalization of the public sector and other new measures of an administrative nature.

As regards the requirement of production of energy auditing, the criteria for identifying the undertakings concerned are the same as set forth for Italy (these criteria are set out in Title I of the appendix to Recommendation 2003/361 / EC), and Spain affecting about 990 companies.foto3

Also in the Spanish case, the auditing must be made before December 5, 2015 and subsequently every four years. Alternatively, businesses may decide to adopt a management system certified ISO 500001, which includes a process of auditing, though less detailed, and must be renewed every three years.

In relation to the requirements for energy audits, energy audits may be attributed also to the well-known acronym SMART is often used to characterize the objectives.

An energy audit must be:

– Specific, in that it must refer to a detailed examination of energy consumption profile of buildings or groups of buildings, business or industrial plants;

Measurable, as it must be based on consumption data measurable and traceable;

Achievable (reach), as it must be based on an analysis of the cost of the life cycle of the proposed actions, rather than on simple payback periods, so as to take account of long-term savings, residual values of long-term investment and discount rates;

– Realistic, as it has to be proportionate and sufficiently representative to allow you to draw a true picture of overall energy performance and the reliable identification of the most significant opportunities for improvement.

– Time related, as it should be due to the trend of production and events that occurred during the period examined.foto4

I In summary, the energy audit is the first, essential step to begin the path of systematic design of energy savings because it allows to know how energy is consumed within their own production company, it must therefore be regarded as an infrastructure, that for the economic, social and environmental results to be strategic and self-liquidating, being able to pay back through the savings generated, the initial investment supported.

Author: Maria Mura | Energy Procurement Consultant.

_________________________________________________________________

[Italian Version]

Imprese Interessate e Conseguenti Obblighi

La Direttiva 2012/27/UE del Parlamento e del Consiglio Europeo sull’efficienza energetica stabilisce un quadro comune di misure per la promozione dell’efficienza energetica nell’Unione Europea, al fine di raggiungere gli obiettivi di riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020.

L’obiettivo della Direttiva é la creazione di norme atte a rimuovere le barriere del mercato energetico e il superamento delle carenze che ostacolano l’efficienza nella fornitura e nell’utilizzo dell’energia. Il nuovo strumento legislativo impone agli Stati di fissare obiettivi indicativi nazionali per il 2020 e introduce misure giuridicamente vincolanti per favorire un uso più efficiente dell’energia in tutte le fasi della catena energetica, dalla trasformazione alla distribuzione sino al consumo finale.

A partire dal giugno 2014 gli Stati membri UE hanno intrapreso un percorso di attuazione delle misure previste dalla Direttiva attraverso l’elaborazione di strategie a lungo termine per favorire la ristrutturazione degli edifici residenziali e commerciali, sia pubblici che privati.

Anche le imprese sono interessate dal decreto sull’efficienza energetica.

In Italia, a partire dal 19 luglio 2014, data di pubblicazione del decreto legislativo 102/2014, il panorama legislativo della compliance aziendale si é arricchito di una nuova norma con specifici obblighi in materia di efficienza energetica: le grandi imprese dovranno dotarsi, entro il 5 dicembre 2015, di diagnosi energetiche per le sedi produttive situate  sul territorio nazionale, ovvero di sistemi di gestione certificati, comprensivi di elementi sistematici di diagnosi energetica.

L’adempimento dovrà essere ripetuto con cadenza quadriennale, pena sanzioni amministrative per mancata diagnosi o diagnosi non conforme.

Le imprese soggette all’obbligo di diagnosi energetiche sono le grandi imprese , definite come le imprese che:

  • occupano più di 250 persone
  •  il cui fatturato annuo supera i 50 milioni di euro o
  •  il cui totale di bilancio annuo supera i 43 milioni di euro

Sono obbligate anche le imprese classificate come energivore dal medesimo decreto (Art 39, comma 1 o comma, del D.Lgs 22 giugno 2012, nº 83), che presentano

foto2

  • Un consumo energetico annuale di almeno 2,4 Gwh
  • Costi energetici pari o superiori al 3% del fatturato

Sono esonerate  quelle imprese con sistemi di gestione conformi a EMAS, Norma ISO 50001, Norma EN ISO 14001 e le micro, piccole e medie imprese (PMI) che non superano i suddetti limiti di dipendenti o fatturato.

Il decreto introduce comunque, per le PMI, dei sistemi di incentivazione all’attuazione di interventi tecnici di risparmio energetico e all’adozione di sistemi di gestione per l’energia certificati secondo la norma ISO 50001.

Oltre alle diagnosi energetiche quadriennali, le imprese a forte consumo di energia sono obbligate a dare progressiva attuazione, in tempi ragionevoli, agli interventi di efficienza individuati dalle diagnosi stesse o, in alternativa, ad adottare sistemi di gestione dell’energia certificati secondo la norma ISO 50001.

I risultati delle diagnosi devono essere comunicati all’ENEA e all’ISPRA che ne curamo la conservazione. In particolare all’ENEA sono demandati i controlli che dovranno accertare, anche attraverso verifiche in situ, la conformità delle diagnosi alle prescrizioni del decreto. Verranno effettuati anche dei controlli a campione tramite la selezione annuale di una percentuale statisticamente significativa della popolazione di imprese soggette all’obbligo almeno pari al 3%, per diagnosi effettuate da auditor esterni alle imprese, e al 100% per diagnosi effettuate da auditor interni.

In caso di irregolarità, potranno essere irrogate sanzioni amministrative pecuniarie da 4 a 40 mila euro per mancata diagnosi e da 2 a 20 mila euro per diagnosi non conformi.

ENEA istituirà e gestirà una banca dati delle imprese soggette a diagnosi energetica, in cui sarà riportato l’anagrafica del soggetto obbligato, l’anagrafica dell’auditor, la data di esecuzione della diagnosi, il rapporto di diagnosi.

In Spagna la direttiva non é stata completamente trasposta. La stesura del Real Decreto che dovrebbe abilitarla é ancora in fase progettuale.

Al momento i documenti concretamente trasposti sono i seguenti:

  • Articoli 69 e 85 del Real Decreto – legge 8/2014, del 4 luglio, incentrato sull’approvazione di misure urgenti per la crescita, la competitività, e l’efficienza. Le tematiche affrontate abbracciano temi quali: le infrazioni in materia di efficienza energetica, il riconoscimento di fornitori di servizi e auditing energetici, la promozione dell’efficienza nella fornitura di energia e la contabilità di consumi energetici.
  • Il provvedimento giudiziario dell’8 settembre 2014, della Direzione Generale delle Politiche Energetiche e Minerarie, che determina l’invio di prospetti informativi ai soggetti interessati alla vendita di energia, in accordo con quanto previsto dal Real Decreto 8/2014. Il provvedimento indica inoltre le tempistiche da rispettare per i soggetti chiamati a ottemperare agli obblighi di efficienza energetica, e fornisce i dati di vendita di energia a clienti finali a livello nazionale.
  • La tredicesima disposizione della Legge 15/2014, del 16 settembre, inerente alla razionalizzazione del settore pubblico e altre nuove misure di natura amministrativa.

Per quanto concerne l’obbligo di realizzazione di auditing energetico, i ciriteri per individuare le imprese interessate sono gli stessi evidenziati per l’Italia (tali criteri sono riportati nel titolo I dell’annesso alla Raccomandazione 2003/361/CE), e in Spagna interessano circa 990 imprese.foto3

Anche nel caso spagnolo l’auditing deve essere realizzato prima del 5 dicembre 2015 e a posteriormente con scadenza quadriennale.

Alternativamente le imprese possono decidere di dotarsi di un sistema di gestione certificato ISO 500001, che include un processo di auditing, anche se meno approfondito, e deve rinnovarsi ogni 3 anni.

In relazione ai requisiti per gli audit energetici, anche alle diagnosi energetiche potrebbe attribuirsi il ben noto acronimo SMART spesso utilizzato per la caratterizzazione degli obiettivi.

Una diagnosi energetica dovrà essere:

– Specific (specifica), in quanto deve far riferimento ad un esame dettagliato del profilo di consumo energetico di edifici o di gruppi di edifici, di attività o impianti industriali;

– Measurable (misurabile), in quanto deve basarsi su dati di consumo misurabili e tracciabili;

– Achievable (raggiungibile), in quanto deve basarsi sull’analisi del costo del ciclo di vita degli interventi proposti, piuttosto che su semplici periodi di ammortamento, in modo da tener conto dei risparmi a lungo termine, dei valori residuali degli investimenti a lungo termine e dei tassi di sconto;

– Realistic (realistica), in quanto deve essere proporzionata e sufficientemente rappresentativa per consentire di tracciare un quadro fedele della prestazione energetica globale e di individuare in modo affidabile le opportunità di miglioramento più significative.

– Time related (riferita ai tempi), in quanto deve essere riferibile all’andamento produttivo ed agli eventi occorsi nel periodo esaminato.

foto4In sintesi la diagnosi energetica rappresenta il primo, imprescindibile passo per iniziare il percorso di progettazione sistematica del risparmio energetico perché permette di conoscere come l’energia viene consumata all’interno della propria realtà produttiva, deve essere perció considerata alla stregua di un’attività infrastrutturale, che per l’impatto economico, sociale e ambientale risulta essere strategica e autoliquidante, essendo in grado di ripagare attraverso i risparmi generati, l’investimento iniziale sostenuto.

Author: Maria Mura | Energy Procurement Consultant.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s